dettaglio libro selezionato

Ultimi canti da Shangri-La

Luigi Mamone

Ultimi canti da Shangri-La

anno 2020, 160 pagine, ISBN 978-88-8238-193-6
collana: CANTIERI POETICI

Poeta irruente, dalla fantasia eccitabile, sa riunire in un tutto organico e scattante le rivolte e le grida d’angoscia che risuonano, come in una stanza vuota, da un capo all’altro del continente. Nelle burrascose intemperie sigillate da oscuro sangue e fatica, egli combatte quella lunga teoria di ingiustizie. Un intellettuale che diventa tribuno, capace di assorbire rigurgiti, caos, tumulti, delineando un modo concreto di concepire l’arte e il mondo, di fronte ai continui rivolgimenti sociali. [...]
Niente giunge all’uomo se egli non ne patisce la croce. Luigi Mamone e? vicino ad Emilio Argiroffi nell’intuizione dei motivi profondi dell’inquietudine e della sofferenza dei popoli. [...]

Dalla Prefazione di Maria Frisina

aggiungi al carrello

13,00


l'autore

Luigi Mamone

Luigi Mamone, nasce a Taurianova nel 1959. Vive da spettatore le vicende della seconda metà del ‘900, che cala nel proprio mondo poetico, sulla spinta delle emozioni provocate da una quotidianità dalla quale non vorrebbe farsi travolgere. Nelle sue prime liriche, in parte edite ne “La Casa delle Rose” (“Poesia x Due”, 1987 Rebellato Editore) e nella successiva produzione – per sua scelta inedita fino ad oggi – diviene testimone di un mondo divenuto villaggio globale. Al grido di dolore della “Lettera a Marianela” che in “Poesia x Due” si solleva per Marianela Garcìa Villas, uccisa come mons. Oscar Arnulfo Romero per le sue battaglie in favore dei diritti del popolo di El Salvador, si aggiungono ora versi che raccontano delle tragedie nella guerra del Kosovo. E prima ancora, con versi di lapidario dolore, nell’atmosfera di un Natale lontano, segnata da un attentato ad un treno nei pressi di Bologna e altri, espressione delle millenarie fascinazioni della Calabria, e ancora ricordi, rimpianti nostalgia rabbia e denuncia sociale. Mamone, che fu incoraggiato agli esordi dal medico poeta Emilio Argiroffi a non abbandonare la poesia, ha affiancato ai versi l’attività giornalistica e televisiva raccontando in video importanti vicende, calabresi e nazionali, traendo spunto nel 2006 per due dei racconti di “Storie dal Mauròs”. Recentemente, incoraggiato dalla poetessa Maria Frisina a non lasciare inedite le sue liriche, si ispira per il titolo di questa silloge a un luogo immaginario, descritto nel 1933 da James Hilton nel romanzo “Orizzonte perduto”.
“Shangri-La” un luogo, dove pace, bellezza e armonia forse potrebbero mettere fine al viaggio di un viandante altrimenti senza meta.

altre proposte

Le tante dimore della famiglia Saccà raccontano

Le tante dimore della famiglia Saccà raccontano

Natale Saccà

0,00

non disponibile

Film music, nazione e identità narrativa

Film music, nazione e identità narrativa

Emanuele d'Onofrio

16,00

aggiungi al carrello

Padre Guido Reghellin S.J.

Padre Guido Reghellin S.J.

AA. VV.

0,00

non disponibile

Meglio grande

Meglio grande

Serena Maffia

10,00

aggiungi al carrello

Fuori dalle barricate

Fuori dalle barricate

Valentina Confido (a cura di)

12,00

aggiungi al carrello

Il bello della Santità

Il bello della Santità

Giuseppe Oreste Surace (a cura di)

7,00

aggiungi al carrello

Oplà

14,00

aggiungi al carrello

Nei boschi narrativi alla ricerca del lupo

Nei boschi narrativi alla ricerca del lupo

AA. VV.

12,00

aggiungi al carrello

Calabria nobilissima

Calabria nobilissima

Raffaele Colapietra

20,00

aggiungi al carrello

Dal realismo magico al realismo mitico

Dal realismo magico al realismo mitico

Valeria Lucente

12,00

aggiungi al carrello

L'estetica del falso

L'estetica del falso

Francesco Mento

8,00

aggiungi al carrello

Jochi 'ntichi

Jochi 'ntichi

Domenico Pellicanò

12,00

aggiungi al carrello