dettaglio libro selezionato

L'informazione reggina dal 1860 al 1945

Domenico Fedele

L'informazione reggina dal 1860 al 1945

anno 2018, 128 pagine, ISBN 978-88-8238-044-1
collana: FUORI COLLANA

Un’incredibile galoppata di 85 anni tra le colonne di oltre 250 testate giornalistiche, di varia periodicità, che si sono pubblicate nella nostra città in uno dei periodi più tormentati della storia nazionale, che va dall’Unità di Italia alla Ricostruzione, passando dal Risorgimento alla Grande Guerra, dal Fascismo alla Seconda Guerra Mondiale per arrivare finalmente alla Liberazione. Mimmo Fedele, cultore e custode della memoria storica, amante feticista della sua Reggio Calabria, svolge una ricerca veramente preziosa (infarcita di gustosissimi squarci di vita quotidiana), frutto di un lungo ma appassionante lavoro presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. A Firenze, grazie a una virtuosissima legge che impone agli editori di giornali di depositare le cosiddette “copie d’obbligo”, vale a dire un esemplare per ogni numero pubblicato dei propri giornali, esiste il più cospicuo e organico fondo di giornali d’Italia. Grazie a questo minuzioso lavoro, svolto dall’autore in collaborazione con le studiose Filippa Proscenio e Francesca Priolo, scopriamo una città che è sempre stata al centro del dibattito culturale, economico, politico e sociale italiano. Un patrimonio culturale inestimabile, viziato però dai mali atavici che affliggono il popolo reggino e che hanno oggettivamente impedito la realizzazione e lo sviluppo di una comunità socialmente coesa: l’individualismo fine a se stesso e una marcata autoreferenzialità sterile e improduttiva.
Per dirla con Diego Vitrioli: “Foeda bonis, jucunda malis, urbs invida et discors, inhabitanda viris, inhabitanda feris”, che, tradotto volgarmente, sta per: “Città della discordia e dell’invidia, nemica ai buoni e amica ai cattivi. Ingrato albergo agli uomini e alle fiere”.

Franco Arcidiaco

aggiungi al carrello

10,00


l'autore

Domenico Fedele

Domenico Fedele, detto Mimmo, nasce a Reggio Calabria il 12 febbraio 1951, da Annibale e Caterina Pennestrì. Coniugato con Maria Angela Cristiano, da cui ha avuto tre figli, Roberta, Donatella e Fabrizio. Ha conseguito il diploma di maturità classica nel 1970, con voto finale di 42/60, presso il Liceo Classico “Tommaso Campanella”, di Reggio Calabria. Nello stesso anno si iscrive all’Università di Messina, nella Facoltà di Scienze Politiche, dove sostiene sedici esami su ventuno. Dal 2011 risulta decaduto dagli studi. Ha trascorso gran parte della sua vita militando nel Partito (Msi) e nel sindacato (Ugl, già Cisnal), dove ha ricoperto cariche importanti.
Unica attività attuale è fare il nonno di Giulia.

altre proposte

Parlarsi

Parlarsi

Francesco Cento

12,00

aggiungi al carrello

Sono i sogni le cose che mi fanno volare

Sono i sogni le cose che mi fanno volare

Maria Delfino

10,00

aggiungi al carrello

Curriculum d'operaiu

Curriculum d'operaiu

Ferdinando Spanò

12,00

aggiungi al carrello

Rebecca

Rebecca

Rossana Savoca

8,00

non disponibile

Stretto Jazz

Stretto Jazz

Demetrio Spagna

14,00

aggiungi al carrello

Provo a raggiungerti

Provo a raggiungerti

Lia Pallone

9,00

aggiungi al carrello

Memorie di quand'ero italiano

Memorie di quand'ero italiano

Nicola Zitara

20,00

aggiungi al carrello

Reggio Calabria

Reggio Calabria

Giuseppe Caridi

15,00

aggiungi al carrello

Grillo in parole povere

Grillo in parole povere

Toni Jop

15,00

aggiungi al carrello

Alfabeto di rime

Alfabeto di rime

Tiziana Rumi

12,00

aggiungi al carrello

Catalogo opere restaurate (2012-2015)

Catalogo opere restaurate (2012-2015)

AA. VV.

39,00

aggiungi al carrello

La Carità. Genesi della dottrina sociale della Chiesa

La Carità. Genesi della dottrina sociale della ...

Giuseppe (don) Dieni

9,00

aggiungi al carrello