dettaglio libro selezionato

Manuale per una riforma della sanità in Calabria

Rubens Curia

Manuale per una riforma della sanità in Calabria

anno 2018, 104 pagine, ISBN 978-88-8238-095-3
collana: FUORI COLLANA

Dal dicembre 2009 la Calabria è in “Piano di rientro dal disavanzo finanziario del Fondo Sanitario Regionale”, ma, nonostante il blocco delle assunzioni, la tentata riconversione di alcuni ospedali e l’IRAP e l’IRPEF elevate che i calabresi pagano annualmente, poco o nulla è migliorato nel S.S.R.; basta, infatti, osservare la patologica spesa della mobilità passiva della Calabria.
Per invertire la rotta è necessario comprendere appieno le cause che hanno portato al disavanzo finanziario e alla mancata attuazione dei Livelli Essenziali di Assistenza analizzando il perchè della mancata attuazione delle leggi di riforma della sanità che il Parlamento ha approvato a partire dalla 833 del 1978, ai Decreti Legislativi 502 del 1992, 229 del 1999 e 56 del 2000; leggi che, se applicate, avrebbero dato risposte alle nuove sensibilità che si stavano affermando a partire dagli anni ’70 nel Paese e alle patologie croniche non trasmissibili che, grazie all'incremento dell’aspettativa di vita, colpiscono oltre il 39% degli italiani.
Bisogna fare presto perchè l’Italia, dopo il Giappone, si attesta al secondo posto per popolazione più anziana al mondo! È fondamentale che la Calabria approvi, finalmente, una profonda riforma organizzativa della sanità che abbia la Medicina Distrettuale protagonista, non cenerentola, del Servizio Sanitario Regionale e i suoi punti di forza siano un Materno-Infantile integrato tra ospedale e territorio e il Consultorio familiare luogo efficiente
di questa integrazione; le Cure Primarie, con i nuovi modelli organizzativi: Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT) e Unità Complesse di Cure Primarie (UCCP), che eroghino prestazioni assistenziali grazie all’integrazione dei Medici di Medicina Generale con le altre professionalità del S.S.R., sviluppando Reti i cui nodi virtuosi siano i poliambulatori territoriali convenzionati, le Case della Salute e i Centri per l’Assistenza Primaria Territoriale dove il Medico è protagonista di una medicina di iniziativa e narrativa che è il vero antidoto alla medicina difensiva. Inoltre, elemento forte della Medicina Territoriale è la “Prevenzione” in tutte le sue declinazioni con l’implementazione dei “Piani Regionali Pluriennali”. In questo “Manuale” si propone una “Riforma” che coniuga qualità delle prestazioni e sostenibilità finanziaria del Sistema Sanità dove l’Ospedale non è più costretto a surrogare le manchevolezze del Territorio che producono ricoveri inappropriati, codici bianchi e verdi ai
Pronto Soccorsi ; deve affermarsi una Medicina Territoriale prossima al cittadino con l’ADI, l’incremento dei posti letto territoriali e l’aumento delle strutture intermedie quali: Centri diurni, RSA, Strutture Protette, Centri riabilitativi, Hospice ecc...
Una nuova visione della sanità si potrà affermare in Calabria solo se tutti i protagonisti del settore (operatori sanitari-amministratori- sindacati-volontariato) sapranno essere una “Comunità Competente”.

aggiungi al carrello

12,00


l'autore

Rubens Curia

Rubens Curia si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia; è stato aiuto corresponsabile presso il Reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale Pentomalli di Palmi (RC). Docente, anno accademico 1993-1994, in “Sistemi Organizzativi e Problematiche Assistenziali”, ai sensi dell’art. 4 comma 7 DPR 162/82, presso la Scuola di Specializzazione in “Malattie Infettive” della Facoltà di Medicina dell’Università di Reggio Calabria (sede Catanzaro). Nel triennio 1995/1998 è stato componente del Coordinamento Amministrativo dell’Istituto Superiore di Sanità (Roma), ha fatto parte del Comitato di Presidenza della Commissione Nazionale per la lotta all’AIDS e alle Malattie Infettive emergenti e riemergenti. Inoltre, è stato Dirigente del Settore Prevenzione Primaria del Dipartimento Regionale Tutela della Salute della Calabria. Ha ricoperto l’incarico di Commissario Straordinario e, in seguito, di Direttore Generale dell’ASP di Vibo Valentia (settembre 2008/luglio 2010). Infine, ha diretto il Settore Area LEA della Sanità regionale. È stato relatore in molti congressi organizzati dai Ministeri della Salute, della Pubblica Istruzione, di Grazia e Giustizia, dell’ISS e di svariate Società Scientifiche.

altre proposte

Memorie di quand'ero italiano

Memorie di quand'ero italiano

Nicola Zitara

20,00

aggiungi al carrello

Fronte del porto

Fronte del porto

Livio Svelo

7,00

aggiungi al carrello

Cose dell'altro mondo

Cose dell'altro mondo

Alessandro Zucali

12,00

aggiungi al carrello

Aleph il lupo

Aleph il lupo

Vanessa Costantino

12,00

aggiungi al carrello

C'era una volta la 'ndrangheta

C'era una volta la 'ndrangheta

Tiberio Bentivoglio

13,00

aggiungi al carrello

I Lidi - Le Orchestre e i Complessi nella Locride

I Lidi - Le Orchestre e i Complessi nella Locride

Ernesto Papandrea

15,00

aggiungi al carrello

Politica & dintorni

Politica & dintorni

Aurelio Chizzoniti

10,00

aggiungi al carrello

Vagando di erba in erba

Vagando di erba in erba

Patrizia Cecconi

15,00

aggiungi al carrello

Migrants

Migrants

Demetrio Spagna

6,00

aggiungi al carrello

Ero single...ora sono I.C.S.

Ero single...ora sono I.C.S.

Alessandro Carvaruso

12,00

aggiungi al carrello

Il porto di Gioia Tauro: tra città metropolitana e nuovi paradigmi geopolitici

Il porto di Gioia Tauro: tra città metropolitana ...

Domenico Napoli - Filippo Romeo - Massimiliano Porto

18,00

aggiungi al carrello

Arnold

Arnold

Arnold Gasser

20,00

aggiungi al carrello