Menu

Rhegìna

ISBN 978-88-8238-062-5 / Pagine 104 / Anno 2018

Un esperimento a metà strada fra la storia e la narrativa: raccontare il passato della città di Rhegion (Reggio Calabria) fingendo di aver ritrovato il primo libro dell’opera di uno scrittore reggino del V secolo a.C., Hyppis, realmente esistito, ricordato dagli autori antichi come il primo storiografo d’Occidente. Si tratta di una delle epoche più affascinanti ed enigmatiche per la polis dello Stretto, che inizia con le origini stesse dell’apoikia calcidese e culmina nella vitalità politica e commerciale della tirannide di Anaxileos, intersecandosi con il coevo contesto politico del Mediterraneo greco, denso di avvenimenti e personaggi memorabili. Lo scopo essenziale è quello di conoscere, riscoprire e valorizzare il plurimillenario passato dell’Area dello Stretto, coniugando l’austero rigore della ricerca scientifica con il piacere eretico della libertà creativa.
€ 10,00
Natale Zappalà è nato a Reggio Calabria nel 1982. Laureato in Società, Culture e Istituzioni di Europa presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Messina, consegue inoltre il Master Universitario di II livello in Architettura e Archeologia della Città Classica presso la Scuola di Alta Formazione in Architettura e Archeologia della Città Classica dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria. Nel 2010 pubblica il saggio “La Reggio di Anassila. Storia, economia e società” (Leonida edizioni), vincitore del Concorso Letterario Metauros nella categoria «Libro edito di storia locale». Nel 2011 scrive “Reggio Calabria e dintorni. Viaggio nella memoria storica dell'area dello Stretto” (Laruffa e Caravilla editori). Insignito del XIII Premio Internazionale Anassilaos Giovani per la ricerca (2008), collabora con le riviste Calabria Sconosciuta e Costaviolanews. Attualmente lavora come docente di storia e filosofia negli istituti secondari di secondo grado.

Libri di Natale Zappalà