Menu

La ragazza di Palmi

ISBN 978-88-8238-264-3 / Pagine 208 / Anno 2021

L’amica Pina De Felice non manca mai di stupirci. Se la senectus è da taluni considerata come un’attesa, più o meno quieta, di una prossima fine, Pina è la dimostrazione di quanto, invece, tale senectus possa essere creativa e dare copiosi frutti pur autunnali. La senectus, l’aurea vecchiezza, Le offre spazi incredibili di una raccolta intimità nella quale la memoria, anche quella più personale, di fatti ed eventi della propria vita, spogliata di ogni elemento di caratterizzante individualità, diviene memoria non di un sol uomo o donna ben determinati nel loro concreto vivere e divenire in un preciso contesto geografico e storico ma la memoria d’ogni vivente che fruga, cerca e trova tra le pieghe del tempo i contorni essenziali dell’esistenza, di quella di Pina o di qualsiasi altra donna o uomo. Dall’Introduzione di Stefano Iorfida Nella “Ragazza di Palmi”, che arricchisce il novero delle opere di Pina De Felice confermando indiscutibilmente la sua già ben nota padronanza delle strutture compositive e dei mezzi espressivi, l’Autrice abbandona il ricorso alla densità icastica del verso a favore della dilatazione meditativa affidata alla narrazione in prosa, a “racconti” che tuttavia trovano la propria unitarietà nella rievocazione di “Pinuzza, la bambina nata sotto le bombe del ‘43”. Ella sa bene, infatti, di dialogare col ricordo, seguendo un andamento bidirezionale che va, ovviamente, dal presente al passato, ma che segue anche la direzione opposta, sicché, se la Pina di oggi rievoca con piena consapevolezza quella di ieri, è pur vero che quest’ultima, annullando quasi la distanza temporale, indica alla Pina matura in quale misura e in qual maniera l’infanzia e le fasi più verdi della vita l’abbiano segnata contribuendo a fare di lei la donna che è oggi. Perché noi siamo anche il nostro vissuto. Dalla Nota critica di Francesca Neri Questi racconti possiamo leggerli come tanti capitoli di un breve romanzo. Storia di vita familiare dell’autrice, una sorta di autobiografia collocata in un periodo ben definito che con la scrittura evolve in un tempo indefinito. Urgente sembra il bisogno di recuperare frammenti di vita trascorsa pescando nella memoria, come per lasciare traccia non solo delle proprie radici familiari ma anche di quelle culturali e sociali. Nasce dalla memoria il desiderio, la decisione di ricostruire il suo mondo giovanile. Quindi rimette in campo come in un affresco, le persone e gli ambienti casalinghi e paesani. Racconti, dunque, pure antropologici. In essi si leggono ambientazioni e personaggi, nello specifico soprattutto palmesi. Sul filo dei ricordi la narrazione lascia spazio anche a variegati quadri di costume. I dialoghi nel dialetto di Palmi timbrano gli accadimenti in ogni loro espressione. La raccolta è un atto d’amore verso i luoghi, le persone e le cose, trattati con delicatezza, come a voler evitare che si possano equivocare rimpianti che l’autrice non ha, né vuole avere. Dalla Prefazione di Franco Araniti
€ 12,00
Pina De Felice è nata a Palmi dove ha frequentato il Liceo Classico. Si è laureata in Scienze Biologiche ed è stata docente di Scienze matematiche. Dal 1970 vive a Reggio Calabria, città che ama e che le ha dato la possibilità di relazioni positive sia in campo lavorativo che in quello culturale. È responsabile poesia dell’Associazione Anassilaos. Ha pubblicato sei libri di poesie, quattro in lingua: “Nei miei silenzi”, “All’ombra della luna”, “Voglia di poesia” con Città del Sole e recentemente Entrando dal mare per Falzea Editore e due in vernacolo palmese “Se Abbrisci” e “‘A Lumera”. Ha pubblicato in prosa, in dialetto reggino con Città del Sole “I stori i ‘na riggitana”, racconti di vita della pittrice Nenè Arcidiaco Borrello.

Libri di Pina De Felice